Era il momento culminante della sua carriera.
tutti gli occhi erano fissati su di lui. Il suo programma di governo era atteso con crescente interesse.
Erano venuti anche i Greci da lontano che, insieme agli Ebrei, aspettavano un governo nuovo che potesse instaurare una nuova politica contro lo strapotere dell'Impero Romano. Gli opinionisti dell'epoca parlavano di un nuovo liberatore.
I suoi seguaci, che lo aveva,o sostenuto nei tre anni della ascesa al potere, discutevano chi "era il più grande" e tentavano la spartizione delle poltrone.
Tutto era pronto e Gesù prese la parola: "Se il chicco di grano caduto in terra non muore rimane solo...se invece muore porta molto frutto...". Tutti
si guardarono un pò meravigliati e sorpresi, ma lui continuò: "Chi vuol salvare la propria vita la perderà, ma chi perderà la propria vita per me la troverà".
Il suo era un pogramma alternativo. Per vivere bisognava morire, per regnare occorreva servire, per non essere soli urgeva donarsi.
Anche per te, giovane, sul mercato dell' "usa e getta" e del "fai da te" sganciato da ogni riferimento culturale e spirituale, ci sono le facili proposte della cultura predominante, che ti invita "ad avere e a non essere", "a possedere e a non dare", "a vivere da solo e non morire per gli altri". Le facili "compagnie" offerte a prezzo stracciato promettono "paradisi" che sistematicamete deludono. Il chiasso ti lascia l'angoscia, il rumore la solitudine.
Solo, ramingo nel caos della metropoli, cerchi con affanno un volto per parlare, una persona da incontrare, un'anima per pregare e trovi maschere mute, corpi mercificati, fantasmi terrificanti.
Al termine del terzo centenario della nascita di S. Paolo della croce, fondatore dei Padri Passionisti, che fanno memoria dell'amore di Dio che si é rivelato morendo sulla Croce, abbiamo pensato a questo incontro di giovani dove la gioia dell'esistenza e la letizia della compagnia di Gesù si potesse manifestare e realizzare per rispondere alla tua sete di compagnia, per non essere solo, per trovare spazi di verità, volti per sorridere, corpi per cantare e anime per pregare.
Porta la tua tenda e il tuo zaino: la speranza accade sempre dopo aver piantato la tenda.

1996>